Seleziona una pagina
SCONTO 5%

I nuovi parametri forensi dopo il D.M. 37/2018

42,00 39,90

SPEDIZIONE GRATUITA!

Nb: Prezzi IVA inclusa!

Software di calcolo, commento alla normativa e tabelle di raffronto

Autori Andrea Giurdanella – Marco Antoci
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17×24
Pagine 248
Pubblicazione Maggio 2018 (I Edizione)

Legale civile

COD: 8891627964 Categoria:

Descrizione

I nuovi parametri forensi dopo il D.M. 37/2018

Software di calcolo, commento alla normativa e tabelle di raffronto

 

 

L’opera razionalizza le recenti riforme normative in materia di compensi professionali: l’equo compenso  e la riforma dei parametri forensi di cui al D.M. 8 marzo 2018, n. 37, in vigore dal 27 aprile 2018 che ha modificato l’impianto dei parametri, sancendo l’assolutainderogabilità dei “compensi minimi”.

Le utilità principali sono costituite dalle tabelle di raffronto tra la vecchia e la nuova disciplina e dal commento, articolo per articolo, al D.M. 55/2014 sui parametri forensi, aggiornato al D.M. 37/2018.

All’opera è collegato un pratico software di calcolo dei compensi, che permette la simulazione della parcella professionale, relativamente al tipo di attività svolta.

Andrea Giurdanellalibero professionista iscritto al Foro di Catania, specializzato in diritto amministrativo. Si è occupato in particolare di questioni attinenti alla tutela della concorrenza e alla deontologia professionale.
Marco AntociAvvocato specializzato in diritto amministrativo. Autore di pubblicazioni in materia di appalti pubblici, diritto degli enti locali e processo amministrativo, è stato relatore in diversi corsi in tema di deontologia e ordinamento professionale.

SOFTWARE ON LINE
Al presente volume è collegato un software di calcolo delle tariffe professionali, al quale si può accedere seguendo le indicazioni riportate sul talloncino interno.

PARTE I – PRINCIPI GENERALI SUL COMPENSO
Capitolo I – Il compenso dell’avvocato, l’evoluzione tra liberalizzazione e protezione della professione forense
1. Le fonti del compenso professionale come diritto dell’avvocato, tra norme generali e norme speciali
2. Il sistema delle tariffe inderogabili in vigore fino al 2006
3. La liberalizzazione del sistema delle tariffe, con la legge 248/2006 (c.d. riforma Bersani)
4. Il passaggio dal sistema delle tariffe a quello dei parametri, con l’art. 9 del d.l. 1/2012 e il primo decreto parametri, il d.m. 140/2012
5. La legge 247/2012 e la riscrittura della disciplina del compenso con l’art. 13
6. I nuovi parametri contenuti nel d.m. 55/2014.
7. Un continuo ritorno al passato?
Capitolo II – La nuova stagione dei compensi: l’equo compenso e il ritorno dei minimi inderogabili
1. L’introduzione dell’equo compenso con l’art. 13-bis e la storica inversione a U del legislatore
2. La definizione del compenso non equo e le sue conseguenze
3. Le clausole vessatorie nei rapporti tra il professionista e il cliente
4. L’applicazione alla pubblica amministrazione del principio dell’equo compenso
5. Il ritorno dei minimi tariffari e le regole della concorrenza
6. La riforma dei parametri, con il d.m. 37/2018
7. La previsione di minimi inderogabili nei compensi forensi
8. Le altre modifiche
Capitolo III – Il compenso dell’avvocato e il sistema dei parametri
1. L’art. 13 della legge 247/2012 sul compenso
2. Caratteristiche dell’incarico e del compenso
3. La determinazione del compenso per via consensuale
4. Il contenuto della pattuizione sul compenso
5. Il patto quota-lite
6. La determinazione del compenso per via non consensuale: il sistema dei parametri
7. La struttura dei parametri forensi .
8. Gli obblighi di informazione sui costi dell’incarico
9. L’obbligo di rimborso delle spese

PARTE II – COMMENTARIO AL D.M. 10 MARZO 2014, N. 55
(aggiornato al d.m. 8 marzo 2018, n. 37)
Capo I – Disposizioni generali
Art. 1. Ambito applicativo
I. La centralità dell’accordo tra professionista e cliente nella determinazione del compenso
II. Il passaggio dalle tariffe ai parametri .
III. L’ambito di applicazione dei parametri
Art. 2. Compensi e spese
I. Le spettanze dell’avvocato per l’attività professionale svolta
II. Le spese vive documentate
III. Il contributo unificato
IV. Le spese forfettarie
Art. 3. Applicazione analogica
I. Funzione e limiti dell’applicazione analogica
Capo II – Disposizioni concernenti l’attività giudiziale
Art. 4. Parametri generali per la determinazione dei compensi in sede giudiziale
I. Criteri di valutazione per la determinazione del compenso
II. Aumenti e diminuzioni le modifiche del decreto 2018
III. Pluralità di soggetti difesi
IV. La liquidazione per fasi
V. Conciliazione e transazione: gli elementi premianti
VI. Elementi di valutazione negativa
VII.Il compenso per i giudizi amministrativi
VIII.Il nuovo comma 1-bis e le tecniche di redazione degli atti telematici
Art. 5. Determinazione del valore della controversia
I. Funzione della determinazione del valore della controversia
II. Liquidazione dei compensi a carico del soccombente
III. Liquidazione dei compensi a carico del cliente
IV. Cause davanti agli organi di giustizia amministrativa e tributaria
V. Controversia di valore indeterminabile
Art. 6. Cause di valore superiore ad euro 520.000,00
I. Progressivi incrementi percentuali per le controversie di maggior valore
Art. 7. Giudizi non compiuti
I. Ambito di applicazione e possibili problemi operativi
II. Art. 2237 c.c. e recesso nel contratto avente ad oggetto una prestazione d’opera intellettuale
Art. 8. Pluralità di difensori e società professionali
I. Pluralità di difensori
II. Compenso dovuto all’avvocato con funzioni di domiciliatario
III. Società di avvocati
Art. 9. Praticanti avvocati abilitati al patrocinio
I. Praticante avvocato abilitato al patrocinio e praticante avvocato abilitato al patrocinio sostitutivo
II. Determinazione del compenso spettante al praticante avvocato abilitato al patrocinio
Art. 10. Procedimenti arbitrali rituali e irrituali
I. Disciplina previgente
II. Compenso spettante agli avvocati chiamati a difendere in arbitrati rituali e irrituali
III. Compenso spettante agli arbitri in arbitrati rituali e irrituali
Art. 11. Trasferte
I. Rinvio alla disciplina relativa alla materia stragiudiziale
II. Spese di trasferta
III. Indennità di trasferta
Capo III – Disposizioni concernenti l’attività penale
Art. 12. Parametri generali per la determinazione dei compensi
I. Premessa generale e rinvio agli articoli del precedente capo
II. Il compenso per l’attività penale: differenze e analogie con gli altri giudizi
III. I criteri di valutazione del compenso per l’attività penale
IV. Aumento e riduzione del compenso
V. Pluralità di soggetti difesi
Art. 15. Trasferte
I. Rinvio alla disciplina relativa alla materia stragiudiziale
Art. 16. Parte civile
I. Parametri applicabili alle altre parti del processo penale
Art. 17. Praticanti avvocati abilitati al patrocinio
I. I compensi del praticante abilitato: rinvio
Capo IV – Disposizioni concernenti l’attività stragiudiziale
Art. 18. Compensi per attività stragiudiziale
I. Definizione di attività stragiudiziale .
II. Confine tra prestazioni giudiziali e stragiudiziali
III. Attività stragiudiziali nella legge 247/2012
IV. Principio di onnicomprensività del compenso
Art. 19. Parametri generali per la determinazione dei compensi
I. Criteri di valutazione per la determinazione del compenso per l’attività stragiudiziale .
II. Aumenti e diminuzioni
Art. 20. Prestazioni stragiudiziali svolte precedentemente o in concomitanza con attività giudiziali
I. Attività stragiudiziale autonoma
II. Compensi per mediazione e negoziazione assistita
Art. 21. Determinazione del valore dell’affare
I. Funzione della determinazione del valore della controversia
II. Regole generali e individuazione del valore effettivo dell’affare
III. Fattispecie specifiche
IV. Affari di valore indeterminabile
Art. 22. Affari di valore superiore a euro 520.000,00
I. Progressivi incrementi percentuali per gli affari di maggior valore
Art. 23. Pluralità di difensori e società professionali
I. Pluralità di difensori
II. Società di avvocati
Art. 24. Praticanti avvocati abilitati al patrocinio
I. Ambito di applicazione della disposizione e misura del compenso spettante al praticante avvocato abilitato al patrocinio
II. Condizioni per lo svolgimento di attività stragiudiziale
Art. 25. Incarico non portato a termine
I. Ambito di applicazione e possibili problemi operativi
Art. 26. Prestazioni con compenso a percentuale
I. Definizione di “incarichi di gestione amministrativa”
II. Parametro per la determinazione del compenso spettante al professionista
Art. 27. Trasferte
I. Ambito di applicazione
II. Spese di trasferta
III. Indennità di trasferta
IV. Liquidazione a carico del soccombente delle spese e dell’indennità di trasferta
Capo V – Disciplina transitoria ed entrata in vigore
Art. 28. Disposizione temporale
I. Applicazione retroattiva dei parametri di cui al d.m. 55/2014 e relativi limiti
Art. 29. Entrata in vigore

PARTE III – APPENDICE NORMATIVA
TABELLE PARAMETRI FORENSI

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.