Seleziona una pagina
SCONTO 5%

Il collaudo statico delle strutture

39,00 37,05

SPEDIZIONE GRATUITA!

Nb: Prezzi IVA inclusa!

Autori Pietro Salomone
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 17×24
Pagine 344
Pubblicazione Marzo 2021 (II Edizione)
COD: 8891649508 Categorie: ,

Descrizione

Il collaudo statico delle strutture

› Il collaudo di strutture in c.a., muratura, acciaio, legno, ponti, opere geotecniche, strutture temporanee
› Procedure e modelli secondo le NTC 2018
› Casi studio

II edizione aggiornata alle linee guida MIT per la classificazione e gestione del rischio, la valutazione della sicurezza ed il monitoraggio dei ponti esistenti

Il volume include ◾ modulistica per il collaudatore ◾ esempi di check list

L’opera nasce con l’idea di fornire ai tecnici uno strumento per illustrare le diverse attività necessarie per il collaudo statico delle opere di ingegneria civile.

Il testo, aggiornato alle linee guida per la classificazione e gestione del rischio, la valutazione della sicurezza e il monitoraggio dei ponti esistenti, emanate dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, è una guida per il professionista con l’obiettivo di fornire indicazioni operative e definire dei contenuti minimi per la redazione di tutti gli atti connessi al collaudo statico delle strutture alla luce delle Nuove norme tecniche delle costruzioni (NTC 2018) e della Circolare Applicativa n. 7 del 21 gennaio 2019.

Il volume, pertanto, presenta un’ampia panoramica sul collaudo statico delle opere con riferimento alle più aggiornate normative italiane.

Particolare attenzione viene posta sull’iter procedurale da seguire e le tipologie di prove e verifiche da effettuare in fase di collaudo per i diversi materiali da costruzione (legno, acciaio, muratura, cemento armato) senza dimenticare le opere geotecniche, le strutture temporanee e i ponti.

All’interno del testo vi è una sezione dedicata a 4 casi studio di collaudi su strutture pubbliche.

 

Pietro Salomone
Ingegnere Civile e project manager è specializzato in Governance e Management nella Pubblica Amministrazione. Attualmente lavora presso una P.A. con qualifica dirigenziale, e collabora con numerose riviste nazionali ed internazionali nella redazione di articoli.

1. Il collaudo

1.1. Definizione di collaudo

1.2. Certificato di collaudo statico

1.3. Collaudo statico in corso d’opera

1.4. Le norme di riferimento per il collaudo statico

1.4.1. La valutazione della sicurezza nelle NTC 2018

1.4.1.1. Classificazione degli interventi

1.4.2. Durabilità nelle NTC 2018

1.4.3. La circolare esplicativa

2. Requisiti delle figure professionali coinvolte nelle opere strutturali

2.1. Compiti del collaudatore statico

2.1.1. Adempimenti di ordine tecnico

2.1.2. Adempimenti di ordine amministrativo

2.1.3. L’esame dei certificati delle prove sui materiali

3. Controlli di accettazione del calcestruzzo

3.1. Generalità

3.2. Controlli di qualità del calcestruzzo

3.2.1. Prelievo, confezionamento, stagionatura dei provini

3.3. Controllo di accettazione

3.3.1. Controllo di tipo A  

3.3.2. Controllo di tipo B

3.3.3. Prescrizioni comuni per entrambi i criteri di controllo

3.3.4. Stima della resistenza meccanica in opera

3.3.5. Calcestruzzo fibrorinforzato

4. Controlli per acciaio da calcestruzzo

4.1. Acciaio per calcestruzzo: i controlli in stabilimento

4.2. Accettazione e controlli degli acciai provenienti dai centri di trasformazione

4.3. Controlli di accettazione in cantiere dell’acciaio per c.a.

4.4. Controlli di accettazione dell’acciaio da cemento armato pre­compresso

4.5. Controlli di accettazione dell’acciaio per strutture metalliche e per strutture composte

5. Esame degli elaborati progettuali dell’opera  

5.1. Esame del progetto  

5.2. Esame delle indagini geotecniche  

5.3. Esame della relazione geologica idrologica ed idraulica  

5.4. Esame della relazione a strutture ultimate del direttore dei lavori  

6. Gli accertamenti discrezionali  

6.1. Prove di carico  

6.1.1. Prove di carico su strutture prefabbricate  

6.1.2. Prove di carico su capriate  

6.1.3. Prove di carico viadotti  

6.1.4. Prove di carico su ponti stradali  

6.1.5. Prove di carico su ponti ferroviari  

6.1.6. Prove di carico su ponti stradali e ferroviari con isola­mento e/o dissipazione  

6.1.7. Prove di carico sui pali di fondazione  

6.1.8. Prove di carico su tiranti  

6.1.9. Prove di carico su impalcati  

6.1.10. Prove di carico speciali  

6.1.11. Verifica dei dispositivi antisismici  

6.1.12. Prove per il controllo della resistenza del calcestruzzo in opera  

7. Collaudo statico di strutture esistenti mediante indagini diagnostiche  

7.1. Indagini conoscitive e verifica dell’intervento  

8. Il collaudo di strutture in cemento armato  

8.1. Fattori che influenzano la resistenza del calcestruzzo  

8.2. Il degrado del calcestruzzo  

8.3. Durabilità del calcestruzzo  

8.3.1. La carbonatazione  

8.4. Le indagini diagnostiche  

8.5. La documentazione fotografica  

8.6. Il metodo dei carotaggi  

8.6.1. Indebolimento delle strutture in conseguenza delle operazioni di carotaggio  

8.6.2. Microcarotaggio  

8.7. Prova sclerometrica  

8.8. Prova ultrasonica  

8.9. Prova di resistenza alla penetrazione: sonda Windsor

8.10. Pull-out test  

8.10.1. Pull-out con inserti post-inseriti  

8.10.2. Pull-off test  

8.10.3. Break-off test  

8.10.4. Metodi combinati  

8.11. Metodo Sonreb  

8.12. Misura della profondità di carbonatazione  

8.13. Prova pacometrica

8.14. Indagini termografiche  

8.14.1. Analisi termografica di edifici a struttura leggera  

8.15. Monitoraggio di lesioni e fessurazioni  

8.15.1. Trasduttori a variazione di induttanza o di mutua in­duttanza  

8.15.2. Trasduttori resistivi (potenziometri)

8.15.3. Deformometri  

8.15.4. Inclinometri  

8.15.5. Fessurimetri  

8.15.6. Estensimetri  

8.15.7. Accelerometri  

8.15.8. Accelerometri piezometrici  

8.15.9. Accelerometro capacitivo  

8.15.10. Sismometri  

8.16. Magnetometria  

8.17. Gammagrafia  

8.18. Prove chimiche  

8.19. Prove chimico-fisiche  

8.20. Prove fisiche  

9. Il collaudo di strutture in muratura  

9.1. La muratura portante  

9.2. Le malte  

9.3. Indagini non distruttive  

9.3.1. Prove soniche  

9.3.2. Caratterizzazione della malta  

9.3.3. Prove penetrometriche  

9.3.4. Martinetti piatti  

9.3.5. Attrezzatura per il taglio  

9.3.6. Misure delle deformazioni  

9.3.7. Pompa idraulica manuale  

9.3.8. Esecuzione di martinetto piatto singolo  

9.3.9. Esecuzione di martinetto piatto doppio  

9.4. Carotaggi della muratura  

9.5. Endoscopia  

9.6. Indagini radar  

9.7. Taglio diretto in sito (Shave Test)

9.7.1. Prova secondo il metodo A  

9.7.2. Prova secondo il metodo B  

9.8. Prova indiretta di pull-out su malta  

9.9. Caratterizzazione chimico-fisica della muratura  

10. Il collaudo di strutture in acciaio  

10.1. Acciai per calcestruzzo armato  

10.2. Acciai per calcestruzzo armato precompresso  

10.3. Acciai per strutture metalliche  

10.4. Prova Vickers  

10.5. Liquidi penetranti

10.6. Controllo ultrasonoro  

10.7. L’esame con particelle magnetiche  

11. Il collaudo di strutture lignee  

11.1. Difetti ed alterazioni del legno  

11.2. Controlli non distruttivi  

11.2.1. Analisi resistografica  

11.2.2. Sistema ad ultrasuoni  

11.2.3. Metodo penetrometrico  

11.2.4. Metodo igrometrico ed audiometrico  

11.2.5. Endoscopia  

12. Il collaudo di opere geotecniche

12.1. Definizione del modello geotecnico  

12.2. Scavi  

12.3. Sondaggi geognostici  

12.4. Sondaggi a distruzione di nucleo  

12.5. Sondaggi a carotaggio continuo  

12.5.1. Cassette catalogatrici  

12.5.2. Profili stratigrafici  

12.6. Sismica in foro  

12.7. Prelievo campioni  

12.8. Prove di laboratorio  

12.9. Prova SPT  

12.10. Indagini down-hole (DH)

12.11. Prove penetrometriche statiche (CPT)

12.12. Prove penetrometriche dinamiche a cono (SCPT)

12.13. Prove penetrometriche dinamiche leggere  

12.14. Prove scissometriche  

12.15. Prove pressiometriche  

12.16. Prove dilatometriche  

12.17. Prova Dilatometrica Sismica (SDMT)

12.18. Indagini geofisiche (SASW – MASW)

12.19. Indagini di sismica passiva  

12.20. Georadar  

12.21. Indagine geoelettrica  

12.21.1. Proprietà elettriche di rocce e sedimenti  

12.21.2. Esempio di tomografie geoelettriche  

12.22. Metodo ecometrico  

12.23. Metodo del cross-hole  

12.24. Metodo dell’ammettenza meccanica  

13. Il collaudo dei ponti  

13.1. Ponti stradali  

13.1.1. Metodologia di controllo  

13.1.2. Valutazione del livello di sicurezza secondo le norme tecniche  

13.1.2.1. Condizione di operatività  

13.1.2.2. Condizione di transitabilità

13.1.3. Il percorso iterativo della conoscenza  

13.1.3.1. Indagini per la caratterizzazione dei detta­gli costruttivi e dei materiali  

13.1.3.2. Livelli di conoscenza e fattori di confidenza  

13.1.3.3. Ponti metallici storici  

13.1.4. Ispezioni visive e schede di difettosità  

13.2. Prove non distruttive  

13.2.1. Prove non distruttive sul calcestruzzo  

13.2.2. Prove non distruttive sull’acciaio d’armatura  

13.2.3. Prove non distruttive sulle murature  

13.2.4. Prove non distruttive sulla struttura  

13.3. Prove di carico statiche  

13.3.1. Prove di carico statiche  

13.3.2. Rilievi della risposta dinamica  

13.4. Prove di carico dinamiche  

13.5. Caratterizzazione dinamica  

13.6. Analisi dei rischi rilevanti e classificazione su scala territoriale  

13.6.1. Classe di attenzione strutturale e fondazionale  

13.6.2. Classe di attenzione associata al rischio frane  

13.6.3. Classe di attenzione associata al rischio idraulico de­gli attraversamenti fluviali  

13.7. Monitoraggio strumentale (SHM)

13.7.1. Monitoraggio occasionale e periodico  

13.7.2. Monitoraggio permanente o continuo  

14. Il collaudo di strutture temporanee  

14.1. Adempimenti amministrativi  

14.2. Normativa di settore  

14.3. Verifiche su strutture temporanee  

14.4. Operazioni di collaudo di strutture temporanee  

15. Casi studio  

• Caso studio 1 – Monitoraggio del quadro fessurativo di un edificio esistente a destinazione scolastica

• Caso studio 2 – Collaudo di edifici esistenti a destinazione scola­stica con l’ausilio delle indagini diagnostiche  

• Caso studio 3 – Collaudo statico di un Palazzetto dello Sport  

• Caso studio 4 – Collaudo statico di una piscina comunale  

Appendice – Modulistica  

1. Nomina del collaudatore statico da parte del committente  

2. Richiesta terna di nominativi per la scelta del collaudatore all’Ordi­ne provinciale degli architetti o degli ingegneri (art. 67, c. 4, d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380)

3. Comunicazione di nomina del collaudatore statico tra la terna di nominati proposta dall’Ordine provinciale degli architetti o degli ingegneri (art. 67, c. 4, d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380)

4. Accettazione dell’incarico di collaudo statico  

5. Relazione a strutture ultimate  

6. Collaudo statico delle strutture in calcestruzzo armato  

7 Schema di certificato di collaudo statico – Lavori pubblici  

8. Lettera di trasmissione dei provini in cls e barre di acciaio al Labo­ratorio Ufficiale Prove  

9. Verbale di verifica delle tolleranze sulle masse e sulle sezioni dei tondini ad aderenza migliorata  

10. Richiesta al Laboratorio Ufficiale Prove dell’esecuzione di prova di carico  

11. Certificato di idoneità sismica  

12. Lettera di trasmissione provini per prove sui materiali impiegati  

13. Verbale di prelevamento campioni di calcestruzzo fresco  

14. Comunicazione all’Ufficio del Genio Civile di nomina del collaudatore  

15. Richiesta di conformità ai sensi dell’art. 28 della legge 2 febbraio 1974, n. 64  

16. Lettera di comunicazione all’impresa appaltatrice della data di ini­zio del collaudo  

17. Lettera di incarico per collaudo in corso d’opera  

18. Lettera di incarico di collaudo  

19. Dichiarazione di accettazione di incarico di collaudo  

20. Lettera di avviso all’ingegnere capo della data di inizio del collaudo  

21. Invito all’appaltatore a firmare gli atti di collaudo  

22. Verbale di visita di collaudo in corso d’opera  

23. Verbale di collaudo provvisorio  

24. Esempi di check list

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.